<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 21, 2017 | Issue #44


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #43

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Bollettino Informativo N. 1 Incontro tra I popoli Zapatisti ed I popoli del mondo

Inaugurazione 30 dicembre 2006


di Commissione Intergalattica dell'EZLN
EZLN

5 gennaio 2007

Compagne e compagni,

oggi alle 13 e 49, ora del fronte sudorientale, il comandante Felipe, del Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno (CCRI), dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, ha inaugurato il Primo Incontro Tra i Popoli Zapatisti ed i Popoli del Mondo, con la presenza di più di mille persone di 40 paesi del mondo e circa 2mila basi di appoggio della zona zapatista tzotzil.

Desideriamo di tutto cuore che questo primo Incontro sia per noi e per tutti i popoli del Messico e del mondo, l’inizio di una strada vera per scambiare e condividere le esperienze di organizzazione e di lotta, con l’obiettivo di unire le nostre lotte dei popoli di fronte ad un nemico comune, rispettandoci gli uni con gli altri, ognuno con la sua idea, con i suoi modi e le sue forme ” – ha segnalato il comandante Felipe davanti a centinaia di collettivi di solidarietà, gruppi di donne, organizzazioni dei diritti umani, comitati studenteschi, progetti di educazione di quartiere, gruppi di messicani e chicani dell’altro lato, giovani anarchici, libertari e punk, esperienze di resistenze autonome e organizzazioni contadine, tra i molti presenti nel caracol di Oventik.

In un atto senza precedenti nei tredici anni di lotta pubblica dell’EZLN, si sono riunite 232 autorità dei vari livelli dei Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti (MAREZ) e delle cinque Giunte di Buon Governo (strutture civili del governo autonomo in resistenza), per iniziare l’Incontro nel quale presenteranno la costruzione della sua autonomia nelle aree di salute, educazione, commercio, donne, recupero di terre, mezzi di comunicazione, arte e cultura. Ed ascolteranno le esperienze di lotta e resistenza contro il neoliberalismo di altri paesi del mondo. All’incontro conta anche la presenza del Tenente Colonnello Insurgente Moisés, della commissione Intergalattica dell’EZLN.

Fino alle 11 della mattina erano arrivate nel caracol di Oventik 1.042 persone provenienti da 40 paesi di quattro Continenti. Dall’America si sono presentati collettivi ed individui di 18 paesi: Argentina, Bolivia, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Stati Uniti, Guatemala, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Portorico, Uruguay e Venezuela.

Dall’Europa arrivano compagni e compagne di 19 paesi: Germania, Austria, Belgio, Paese Catalano, Danimarca, Stato Spagnolo, Finlandia, Francia, Grecia, Italia, Norvegia, Paesi Baschi, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Svezia, Svizzera, Turchia ed Ucraina. Mentre dall’Asía c’è Israele e dall’Oceania sono già arrivati i fratelli e le sorelle dell’Australia e della Nuova Zelanda.

Oggi hanno cominciato ad ascoltarci su com’è il nostro modo di resistere di fronte ai mal governi e così costruire alternative per un mondo dove quelli che comandano, comandino ubbidendo “ – ha affermato la Giunta di Buon Governo di Oventik, nel suo ruolo di anfitrione di questo Incontro.

Questa lotta è la nostra lotta, di voi e di noi, perché da tutte le parti si soffre povertà, miseria, ignoranza, emarginazione e sfruttamento. Noi, tutti i popoli, patiamo queste sofferenze, per questo continuiamo a lottare per raggiungere le giuste rivendicazioni dei popoli indigeni ” – ha detto l’autorità autonoma.

L’Incontro è stato aperto questo pomeriggio con la tematica dell’Autonomia e dell’Autogoverno. Il 31 sono programmati tre tavoli di lavoro: salute, educazione e donne. Il primo gennaio i temi saranno comunicazione, arte e cultura, commercio e difesa della terra ed il 2 si chiuderà con la discussione per la preparazione dell’Incontro Intergalattico.

Mentre terminiamo questa relazione continuano ad arrivare centinaia di uomini e donne provenienti dal Messico e da molti paesi del mondo.

Commissione Intergalattica dell’EZLN

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español
Lesen Sie diesen Artikel auf Deutsch
Lisez cet article en français

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America