<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 23, 2017 | Issue #43


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #42

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Marcos: “Siamo alla vigilia di una grande insurrezione o di una guerra civile”

Calderón comincerà a cadere fin dal primo giorno di insediamento, avverte il capo ribelle


di Hermann Bellinghausen
La Jornada

24 novembre 2006

Bagdad, Tamps., 23 novembre – L’insediamento di Felipe Calderón il primo di dicembre sarà “il principio della fine di un sistema politico che dalla Rivoluzione Messicana si è incistato ed ha iniziato ad ingannare, generazione dopo generazione, fino ad arrivare ad oggi e dire ‘basta’ “, ha avvertito il subcomandante Marcos in conferenza stampa. Calderón, ha aggiunto, “comincerà a cadere fin dal primo giorno”.

Ed ha affermato: “Siamo nella vigilia di una grande insurrezione o di una guerra civile”. Alla domanda su chi l’avrebbe guidata, ha risposto: “la gente, ognuno nel suo posto, in una rete di mutuo appoggio. Se non facciamo che sia così, ci saranno sollevazioni spontanee, esplosioni civili dappertutto, una guerra civile dove ognuno baderà al proprio benessere, perché ci sarà ormai la possibilità di attraversare dall’altra parte“. Ha citato il caso di Oaxaca, dove “non ci sono leader né capi; è la stessa gente organizzata. Sarà così in tutto il paese”.

Rispetto all’attuale tappa dell’altra campagna, ha detto: “dopo che gli zapatisti hanno sollevato il velo che occultava la realtà delle comunità indigene del Chiapas, siamo partiti per incontrare la povertà in campagne e nelle città, e che adesso vediamo anche per mare. Nel paese esiste una scenografia montata dai partiti politici, ed ultimamente da Vicente Fox, che mostra che tutti stanno bene “.

Nel caso del nord del paese, ha aggiunto, “è da brivido” la differenza tra com’è e quello che si dice: “Che il nord è panista ed ama Fox, che tutti vivono bene. Ma vediamo che è uguale a quello che succede nelle comunità indigene più umili del sudest “.

Sostiene che Oaxaca è “un indicatore” di quello che succede nel paese. “In Nuevo Laredo ci dicevano che il problema di Tamaulipas è che qui tutti sono Ulises Ruiz: il presidente municipale, il Congresso dello stato, il governatore. Ci sono troppi Ulises Ruiz e la gente è stufa. Se non ci sarà una soluzione civile e pacifica, che è quanto proponiamo nell’altra campagna, allora sarà il ‘si salvi chi può’ “.

Ha aggiunto: “non riconosciamo il presidente ufficiale né il legittimo. Per noi non conta nulla chi sta in alto. Quello che conta è ciò che sorgerà dal basso. Quando faremo questa sollevazione, spazzeremo via tutta la classe politica, anche quelli che si definiscono della sinistra parlamentare “.

Sulla violenza ed il potere del narcotraffico, ha affermato che questa è “un’altra scenografia” che colpisce soprattutto gli stati del nord, dove il principale problema è la sicurezza, e non la situazione di povertà. “ Si enfatizzano le lotte tra narcos, o tra narcos ed i politici, perché sappiamo che i politici sono legati a qualcuno dei cartelli, e poi si dimentica la cosa fondamentale: per esempio, ciò che succede a Playa Baghdad, Nuevo Laredo o Reynosa, per parlare di Tamaulipas. Diventa notizia solo quando ci sono scontri tra i gruppi criminali e si dimentica quello che succede alla gente che lavora e lotta “.

(tradotto dal Comitato Chiapas “Maribel” – Bergamo)

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español
Lisez cet article en français

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America