<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands June 18, 2018 | Issue #42


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page

Search

Narco News Issue #41

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Scarcerano Arnulfo Pacheco, paraplegico detenuto in Atenco

È il primo dei 25 detenuti accusati di sequestro che ottiene la libertà


di Israel Davila ed Emir Olivares
La Jornada

24 giugno 2006

Almoloya de Juárez, Méx, 23 giugno - In mezzo ad applausi di familiari, avvocati e simpatizzanti del Fronte dei Popoli in Difesa della Terra di San Salvador Atenco, Gregorio Arnulfo Pacheco Cervantes è uscito oggi dalla prigione statale di Santiaguito dopo che i suoi difensori hanno dimostrato la sua innocenza rispetto alle accuse di sequestro aggravato ed attacchi alle vie generali di comunicazione, dopo che era stato arrestato in Atenco all’alba del 4 maggio.

Pacheco Cervantes, di 55 anni di età, che soffre per una infermità cronico-degenerativa che lo obbliga all’uso della sedia a rotelle, e che appena riesce a parlare, è stato scarcerato quando il giudice penale di Toluca, Jaime Maldonado, ha dettato la sua libertà per inconsistenza di prove, come promosso dagli avvocati aderenti alla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona, con a capo Juan de Dios Hernández Monge.

Quest’ultimo ha dichiarato che si è presentato nel caso di Pacheco l’esame peritale del Collettivo contro la Tortura e l’Impunità, certificati medici dell’Ospedale Juárez del Distretto Federale e dell’Adolfo López Mateos di Toluca, nei quali si fa constatare l’incapacità di Pacheco Cervantes a camminare. Resta da segnalare che è il primo dei 25 arrestati accusati di sequestro che ottiene la libertà completa.

Hernández Monge ha segnalato che la difesa dei detenuti presenterà un altro ricorso per la sparizione di prove presentate contro Jorge Armando Ramírez Aguilar, che soffre di ritardo mentale ed è pure accusato degli stessi reati.

Ha denunciato pure che la giudice del distretto di difesa e processi civili federali di Toluca, presso la quale la difesa ha promosso 10 ricorsi affinché siano liberate le persone che rimangono detenute per i fatti di Atenco, “porta avanti un processo irregolare, perché sta accampando pretesti come il fatto che alcuni parti delle carte non sono leggibili e ha deciso di differire le udienze costituzionali, allungando il processo”.

Alle 17 e 45 ore di oggi, Gregorio Arnulfo Pachecho ha superato l’ultimo sbarramento della prigione di Almoloyita per trovarsi con sua moglie, Floyra Sánchez, e suo figlio Ulisse, sui quali pesa pure la presunzione di reato di attacco alle vie generali di comunicazione e che sono in libertà sotto cauzione.

La ventina di persone che lo aspettava nell’accampamento con aderenti all’altra campagna dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, a lato dell’entrata principale della prigione, gli ha riservato una così bella accoglienza che lo ha fatto scoppiare a piangere, mentre teneva in mano le trecce che sua moglie si è tagliata, proprio nel momento in cui è uscito dalla prigione. “Là dentro ci sono ancora molte persone innocenti”, è riuscito a dire Arnulfo, poi è salito sull’auto che lo ha portato a casa.

Intanto, 13 dei 21 poliziotti accusati di abuso di autorità, per gli eccessi commessi negli operativi di Texcoco ed Atenco all’inizio di maggio, si sono presentati oggi davanti al tribunale del distretto giudiziario di Tenango del Valle per affrontare le imputazioni.

Durante la seduta ci sono rilevate inconsistenze nel fascicolo depositato dalla procura, poiché le accuse erano generiche e si riconoscono solo dei presunti responsabili mediante video o fotografie diffuse dai mezzi di comunicazione.

Con una sospensione provvisoria, che quindi impedisce gli arresti, gli uniformati sono arrivati in tribunale per ratificare le testimonianze rese all’autorità ministeriale ed hanno sfruttato l’occasione per negare, ora davanti al giudice, le loro responsabilità nei fatti loro attribuiti.

Consigliati dal loro rappresentante legale, Antonio Martínez, i poliziotti non hanno sollecitato la duplicità del termine costituzionale, per cui lunedì si risolverà la loro situazione giuridica, cioè, se sarà dettato l’atto di formale prigione per sottoporli ad un processo penale, oppure, se saranno dichiarati liberi per mancanza di prove.

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America