<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands July 18, 2018 | Issue #41


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page

Search

Narco News Issue #40

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Chiudono le trasmissioni di Radio Università di Oaxaca, la stazione che ha dato voce al magistero

“Dovranno passare su di noi per toglierci i microfoni” dicono alcuni momenti prima che si spegnesse il segnale


di Soledad Jarquín Edgar
Cimac Noticias

15 giugno 2006

Oaxaca, 14 jun (CIMAC) - I giovani universitari che hanno aperto i microfoni di Radio Università per dar voce al magistero oaxaqueño ed alla società dopo lo sgombero degli insegnanti all’alba di oggi nel centro storico di Oaxaca, e la brusca chiusura delle trasmissioni con l’arrivo della polizia.

Prima di uscire dalla cabina, l’annunciatrice e l’annunciatore che avevano ricevuto centinaia di telefonate di indignazione per quanto era successo ed hanno accusato il governo di Ulises Ruiz, hanno detto che a dispetto dell’autonomia universitaria, i poliziotti si stavano avvicinando.

Erano le 18 e 20 quando hanno lanciato l’allarme ed hanno protestato per l’intromissione del governo statale e per l’atteggiamento del rettore Francisco Martínez Neri, che hanno denunciato come responsabile di qualunque violenza che potesse avvenire. Poi la linea è caduta tre minuti dopo.

Alle 18 e 28, dopo un silenzio che ha fatto venire i brividi ai radioascoltatori per l’impossibilità di sapere che stesse succedendo, le trasmissioni sono riprese con una voce allarmata, per denunciare che erano molte le voci che li avvertivano per telefono su di un prossimo arrivo dei poliziotti.

Membri di Desarrollo y la Democracia hanno preso alle 18 e 32 il microfono per parlare della prodezza degli/le universitari/e e per invitare la cittadinanza ad uscire in strada in solidarietà col movimento magistrale ed in difesa di Radio Università.

Quattro minuti più tardi (alle 18 e 36) si sono di nuovo scusati con gli ascoltatori perché dovevano di nuovo interrompere la trasmissione, non senza annunciare che (la forza pubblica) “dovrà passare su di noi per toglierci i microfoni”. Una voce di donna stava chiedendo alla società di non rimanere a braccia conserte. Poi non si è sentito più nulla, è tornato il silenzio.

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America